Alimentazione per gli adolescenti

L’adolescenza inizia con la pubertà. Accompagnata da intensi cambiamenti fisici, psicologici, emotivi e sociali e termina a circa venti anni, quando la crescita fisica cessa e avviene la maturazione biologica e psicosociale.

Ci siamo passati tutti e tutti sappiamo quanto sia difficile adeguarsi al proprio corpo in continua crescita, alla società e stare continuamente a confronto con altri nostri coetanei.
Durante questo periodo difficile  cambiano le esigenze nutrizionali dei nostri figli proprio come cambia il loro corpo.

Se fino al giorno prima avevamo un bimbo gentile e amorevole da accudire, il più delle volte ci ritroviamo a contatto con un piccolo adulto, non ancora del tutto formato, che molto spesso ci confonde.

L’ alimentazione negli adolescenti dovrebbe incoraggiare la corretta crescita e lo sviluppo e promuovere uno stile di vita sano per prevenire i disturbi alimentari.

Questo momento della vita  potrebbe essere l’ultima occasione per preparare nutrizionalmente i giovani a fare una vita adulta sana e salutare.

L’adolescenza è in  un momento di particolare vulnerabilità e di rischio:

1.  Aumentano le necessità nutrizionali.

Durante questo periodo, l’adolescente prende il 40-50% del suo peso finale e il 25% della sua altezza.
E ‘anche in questa fase della vita in cui si sviluppano i caratteri sessuali secondari.
Aumenta del 50%  la massa muscolare e la massa scheletrica quasi raddoppia.
Solitamente i ragazzi si muovono molto e praticano molto sport, per cui è necessario portare attenzione al reale bisogno nutrizionale di cui necessitano.
2.  La sensazione di indipendenza, la preoccupazione per l’aspetto fisico e le influenze culturali di amici e mezzi di comunicazione, influenzano notevolmente le abitudini alimentari.
Di solito gli adolescenti• Saltano  i pasti, (la prima colazione è la più sacrificata statisticamente)
• Mangiano fuori facendo pasti veloci, non sempre equilibrati.

• Mangiano fra un pasto e l’altro  (biscotti, caramelle, gelati, frutta secca, cioccolatini, ecc)
 • Sperimentano diete alimentari del tutto sbagliate (mangiano solo carne,  evitano del tutto i carboidrati, si improvvisano vegetariani senza conoscere davvero come alimentarsi)
• Diminuiscono il consumo di  latte e  aumentano spropositatamente il consumo di  bevande zuccherate o energetiche.
Si verificano inoltre a volte delle situazioni di forte rischio, come per esempio l’uso di alcool, droghe o fumo.
Oltre ai lati negativi che già tutti conosciamo dobbiamo anche considerare che alcuni comportamenti, come ad esempio il fumo di sigaretta, comporta un abbassamento molto elevato delle vitamine e del calcio nel corpo umano. Queste sono fondamentali per un corretto sviluppo psicofisico degli adolescenti.
Ma come dobbiamo comportarci noi genitori?
Il primo consiglio è di porre attenzione ai nostri figli, monitorare cosa mangiano fuori e dentro casa. Fare la spesa in modo mirato e soprattutto spiegare loro perchè è importante che si nutrano in maniera corretta e salutare.
In linea generale un adolescente ha bisogno di:
– 30-35% di calorie sotto forma di grassi
– 50-60% di carboidrati
– 10-15% di proteine
– almeno 5-6 bicchieri di acqua al giorno
– verdura in grande quantità
– 2 porzioni di frutta al giorno
Mantenere una discreta attività fisica.
La pizza, gli hamburger, le patatine fritte non sono del tutto da escludere, ma bisogna consumarle una volta ogni tanto e non tutti i giorni.
Coinvolgerli nella preparazione del cibo, è una buana scusa per essere autonomi quando saranno grandi non solo per la loro sopravvivenza, ma anche per dar loro un’educazione alimentare.
Cercate di farli mangiare a tavola e in famiglia, in modo da spronarli ad avere degli orari regolari nella consumazione dei pasti.
Adolescenti

3 Responses to Alimentazione per gli adolescenti

  1. Gioia settembre 14, 2014 at 5:57 pm #

    Mia figlia ha 13 anni e a ora di mangiare è una tragedia. “questo fa schifo, questo ingrassa, questo non mi piace” Le ho provate tutte, ma mangia come un uccellino.
    Help me! Che faccio?

  2. Anonimo settembre 14, 2014 at 8:20 pm #

    Mi dispiace tanto , cara Gioia, non hai saputo educare bene tua figlia. Non è un dramma se mangia poco, ma la cosa più grave è che non ha rispetto per il cibo . ” Fa schifo ” ? Ei bella ci sono bambini che muoiono perché non hanno da mangiare . !!!!!!

    • admin-ilenia settembre 14, 2014 at 8:37 pm #

      Non sono d’accordo con questa linea di comportamento: l’adolescenza è un’età delicata, in cui si manifestano molti disagi psicologici e alimentari.
      Credo sia meglio parlarne con calma con la ragazzina, spiegare le reali motivazioni e cercare di capire quali sono i suoi reali problemi.
      il dialogo prima di tutto.