Come annunciare una nuova gravidanza al proprio figlio

Non è sempre facile gestire l’annuncio di una nuova gravidanza ai propri figli, soprattutto se si tratta di bimbi ancora piccoli. Alle volte un approccio sbagliato, potrà influire sulla percezione dell’arrivo di un fratello o di una sorella e causare reazioni di gelosia, di incomprensione, ma anche suscitare sentimenti di paura. Al di là delle parole che si sceglieranno, l’importante è trasmettere la gioia della nuova presenza, cercando di far loro capire che una gravidanza è tutt’altro che una minaccia.

 

Come spiegare la tua gravidanza

secondo figlioAll’inizio, quando avete appena scoperto la gravidanza, non è necessario, anzi diciamo che è sconsigliato parlarne subito con i propri figli. Soprattutto quando i disagi dei primi mesi possono essere spiacevoli ed arrecare disturbi fisici evidenti alle persone che vi stanno attorno, quindi anche ai vostri figli, per approfondire il tema “sintomi gravidanza” vi consigliamo l’articolo di Stile Naturale. Quindi non rischiate che la condivisione degli stessi con i più piccoli provochi situazioni difficili da gestire, soprattutto in un momento così delicato come i primi mesi di gravidanza.

Quindi diciamo che, per scegliere davvero il momento giusto, è sufficiente seguire una semplice regola, più i vostri bimbi sono piccoli, più dovrete aspettare prima di dirglielo. Per i bambini maggiori di cinque anni, è preferibile condividere la gravidanza fin da quando si sa che è certa, diciamo dopo i quattro mesi, saranno in grado di capire meglio di quanto pensiate.

Se invece si tratta di bambini fino ai due anni, potrete aspettare fino all’ultimo momento prima del parto, per bambini fino ai cinque anni si può aspettare di dare la notizia fin tanto che la pancia non sia evidente, ad ogni modo questa susciterà la loro curiosità, quindi lasciate a lei la decisione del momento giusto.

Quando arriverà la fatidica domanda, raccontategli che nella pancia sta crescendo un bambino, proprio come era successo a loro prima di venire al mondo. Ricordiamoci che i bambini in generale si interessano al modo in cui loro stessi sono nati, si emozionano al sentire i genitori parlare di quanta felicità hanno portato nelle loro vite, ciò farà crescere in loro stessi l’entusiasmo per il nuovo membro della famiglia.

Se volete, per raccontare meglio la vostra storia, che perché no potrebbe essere una meravigliosa storia della buona notte, potrete in caso aiutarvi con dei libri illustrati, le figure con i più piccoli sono più esaurienti delle parole.

 

Cosa succede dopo l’annuncio

Una volta condivisa la notizia, le reazioni dei vostri bambini potrebbero variare da un estremo di felicitàsecondo figlio assoluta all’altro di rabbia e rifiuto del futuro fratellino o sorellina. In ogni caso preparatevi alle domande più strane e strampalate, abbiate pazienza ed ascoltateli con amore, senza dubbio il vostro atteggiamento potrà aiutarli ad accettare meglio l’avvento o a farglielo rifiutare ancor di più. La parola chiave è la dolcezza e soprattutto non ridicolizzateli.

In secondo luogo, cercate di coinvolgerli gradualmente, senza sforzarli, non pretendete che si sentano parte dei preparativi pratici per l’arrivo del fratellino o della sorellina, ciò potrebbe forzare la mano e scatenare sentimenti di competizione anticipati.

Ricordatevi che la gelosia nei confronti del bimbo che sta per nascere è un sentimento assolutamente normale dei bambini piccoli ed ognuno di loro la esprime alla propria maniera. Preparatevi ad eventuali attacchi di rabbia, continui capricci e addirittura ad un improvviso senso di proprietà delle proprie cose, ma anche ad un possibile distaccamento dalla figura materna o un’esagerata aggressività nei suoi confronti. Tutti questi comportamenti sono da considerare come sintomi assolutamente gestibili e che, nella maggior parte dei casi, scompariranno quasi per magia quando i bambini capiranno che il nuovo arrivato potrà essere un alleato e non una minaccia.

 

Comments are closed.