Sapone, sapone, sapone!

Il sapone non è sempre esistito ma non si sa chi lo abbia inventato. E il problema dell’igiene personale non è sempre stata importante come adesso  per l’uomo. Gli archeologi non hanno trovato reperti fossili che facessero pensare all’utilizzo del sapone.

La prima testimonianza dell’esistenza del sapone può essere considerata quella conservata dentro cilindri d’argilla rinvenuti nella zona dell’Antica Babilonia.
La datazione di questi reperti è stimata al 2.800 a.C.. Sui cilindri era anche incisa la ricetta per la preparazione.

Una tavoletta Sumera del 2200 a.C. descrive, a sua volta, un sapone composto di acqua, alcali e olio di cassia. Testimonianze dell’uso del sapone (con ricette diverse) sono state rinvenute in Egitto, nella Bibbia e in un testo di Plinio il vecchio, uno scrittore latino del I secolo.

Oggi il sapone lo usiamo tutti i giorni, per lavarci il corpo, pototeggerci dai batteri e pulire le cose.

Ecco la ricetta per fare il sapone fatto in casa (senza soda caustica, quindi lo potete tranquillamente fare con i bambini)

Ingerdienti
– 5 litri d’acqua
– 1 kg di cenere
– 750 ml di olio di oliva
– 50 gr di amido
– I vostri profumi preferiti

Preparazione
Si incomincia con la preparazione della lisciva, mettendo l’acqua e la cenere in unapentola: mescolate bene e fate cuocere il composto per due ore a fuoco lento. Trascorso questo tempo, stendete un panno bianco sopra un secchio e versatevi lalisciva: in questo modo la filtrerete e sarà liscia e senza impurità. In una nuova pentola capiente versateci l’olio e portatelo a una temperatura di circa 30°. Lasciate nel secchio circa mezzo litro di lisciva a cui aggiungete l’amido, mentre versate lentamente il restante del composto nell’olio. Mescolate con cura e aggiungete in un secondo momento anche la lisciva con l’amido e continuate a mescolare. Se volete avere un sapone profumato, aggiungete in questa fase delle gocce della vostra essenza preferita. Riversate nuovamente tutto il composto nel secchio o in apposite formine e lasciate riposare per almeno due settimane.

 

 


 

 

Aromaterapia nella Casa Ecologica

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

 

, ,

Comments are closed.